Ho 54 anni e vivo a Milano, a Città Studi, con mia moglie e i miei due figli. Consigliere regionale uscente, prima di entrare in Regione mi sono impegnato nel sindacato. Ho iniziato nel 1986 come delegato, dapprima dell’Asst e successivamente di Telecom. Nel 1990 sono entrato a far parte della segreteria della Filpt Cgil di Milano seguendo il comparto poste e telecomunicazioni. Nel 1996 sono stato eletto nella Segreteria della Cgil Funzione Pubblica di cui, nel 1998, sono diventato Segretario Generale: in questi anni mi sono occupato di importanti e difficili vertenze quali Amsa e Vigilanza urbana, conclusesi entrambe positivamente.

Nel 2006 vengo eletto Segretario Generale della Camera del Lavoro di Milano. Durante il mio mandato sono stati sottoscritti importanti accordi quali quello con Assolombarda per la costituzione di un osservatorio sul lavoro; la Fondazione Welfare con il Comune di Milano; il protocollo per la sicurezza e la legalità nei cantieri sottoscritto con Prefettura e Ministero del lavoro; l’Osservatorio sociale mafie; il protocollo contro il lavoro nero nei cantieri di Rho Fiera.

Nel 2013 sono stato eletto Consigliere regionale con il PD, partito che ho lasciato nel marzo 2017 per aderire ad Articolo 1 MDP prima e Liberi e Uguali poi. In Regione Lombardia ho seguito la IV Commissione (Attività produttive), la V Commissione (Territorio e Infrastrutture) e la Commissione Speciale “Rapporti tra Lombardia, Confederazione Elvetica e Province Autonome”.

Il mio impegno è da sempre incentrato su temi che ritengo sostanziali come il lavoro, il welfare, la casa, i diritti, le tematiche di genere, l’antifascismo.

 

Guarda qui la mia attività in Consiglio Regionale